Thursday, October 9, 2014

Vi ricordate quando non si aveva una fotocamera nel cellulare?

C'era un'eclissi ieri. Aspettavo quel giorno con impazienza e qualche ora prima del sorgere della luna, mi sono già seduta nella veranda. I miei genitori mi hanno raggiunto più avanti. Quando la luna sorgeva, hanno preso le loro macchine fotografiche -mia madre con il suo iphone, mio padre con il suo DSLR- e hanno cominciato a fare delle foto. Li ho guardati e mi sono ricordata di quando non si aveva una fotocamera.

Di recente, grazie a fotocamera nel nostro cellulare, è facile a catturare tutti quei momenti che si verificano dappertutto intorno a noi, e poi condividerli. Devo confessare che anch'io lo faccio spesso ma adesso mi viene da riflettere. Penso che siamo troppo occupati a scattare le foto ma ci dimentichiamo di vivere i momenti al massimo. Ci concentriamo sui risultati e abbiamo fretta di condividere le foto ma rinunciamo a sentire l'emozione di quel momento. Non dico che non dovremmo mai utilizzare una fotocamera ma non dimentichiamoci di vivere il momento.

Ora non ho la foto dell'eclissi. Non ho neanche una fotocamera con cui riesco a scattare delle buone foto ma mi ricordo di aver guardato la luna che sorgeva lentamente quando mi sono seduta sull'altalena. Il cielo era sereno. La luna era gialla all'inizio e poi è diventata rossa. Sembrava grande ma diveniva piccola man mano che si alzava in cielo. C'erano delle macchie sulla superficie. Il mare di sotto la e sembrava come fatto di argento. Mi ricordo della sensazione del vento nella veranda. Faceva freddo e non mi piaceva affatto. Davanti a me, c'era la merenda della sera, con delle tazze di caffè caldo. C'erano i miei genitori che erano occupati a trovare il migliore posto per immortalare l'eclissi. Loro erano così divertenti e noi ridevamo molto. Era veramente un bel momento. Un momento che una fotocamera non può catturare.

No comments:

Post a Comment